x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Tutti puristi, ma le Dallara Stradale sono quasi tutte automatiche

8 dicembre 2017
di Davide Saporiti
Pare che il 95% dei clienti abbia scelto l'opzione del cambio automatico
  • Salva
  • Condividi
  • 1/25

    Bologna, Motor Show 2017: il collega Carlo Cavicchi di Quattroruote incontra l'Ingegnere Giampaolo Dallara e, inevitabilmente, si finisce per parlare di Dallara Stradale. D'altronde, come puoi non chiacchierare con un uomo come Dallara di una sportiva voluta da un uomo come Dallara? Una vettura pura, leggera, senza compromessi, per pochi fortunati ma tutto sommato per tutti, per insegnare al mondo che, in fondo, l'Uomo sa ancora gratificarsi con oggetti che hanno davvero senso d'esistere. Ma ecco il paradosso: Dallara comunica a Cavicchi che il 95% degli ordini della sua nuova creatura sono per la variante con il cambio robotizzato.

    Ma come? Non eravamo tutti in delirio per il ritorno della Passione? Per quella supernova di purismo esplosa a Varano de Melegari, che travolge il mondo automobilistico svegliando dal torpore chi ha dimenticato che cosa sono le vere automobili sportive? Perché Dallara quel cambio nemmeno l'avrebbe prodotto se non fosse stato per l'insistenza dei suoi collaboratori che, evidentemente, vuoi perché dotati di una visione meno romantica del mercato automobilistico per appassionati, vuoi perché ormai disillusi, hanno intuito l'importanza di una seconda opzione.

    Chissà se il sorriso di Giampaolo Dallara, a 81 anni felice e orgoglioso al volante dell'auto sognata per tutta la vita, avrà vacillato di fronte all'evidenza dei fatti. Perché con Dallara avevamo parlato anche noi e l'idea alla base della sua auto era tanto semplice e romantica da risultare irresistibile. Per quanto capiamo che molti vogliano sfruttare al massimo le prestazioni di un telaio Dallara, non riesco a non vivere questo strapotere dell'automatico su una vettura rara, costosa e molto poco versatile e, quindi, destinata al solo piacere di guida, come la sconfitta definitiva del cambio manuale. E' frustrante. Un po' come per quel bravissimo chitarrista di strada che riesce a fermare la gente con il suo talento, ma, quando ti propone di acquistare il suo CD e contribuire al suo sostentamento, gli rispondi: "No, grazie".

    Tutti puristi, ma le Dallara Stradale sono quasi tutte automatiche

    (foto: Repubblica)

    © RIPRODUZIONE RISERVATA