x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Gira voce che Ferrari voglia produrre di nuovo (o reinterpretare?) la 250 GTO

10 March 2018
di Davide Saporiti
Una fedele copia o una moderna sportiva ispirata all'automobile più costosa al mondo?
  • Salva
  • Condividi
  • 1/15

    Che epoca assurda... Da un lato, passiamo le giornate inseguendo un futuro che non vogliamo, prendendo il muro a testate per colpa dell'invasione elettrica che ingrassa e silenzia le nostre amate sportive; dall'altro, mostri sacri del passato tornano a vivere come un trisavolo riesumato e rimesso a nuovo dalla chirurgia estetica più avanzata. L'ha fatto Jaguar, l'ha fatto Aston Martin, l'ha fatto AC. Forse, lo farà anche Ferrari. Pare infatti che Sergio Marchionne, al Salone di Ginevra, ai microfoni di Top Gear se ne sia uscito con una frase che ha dell'incredibile. Immaginate di trovarvi allo stand Ferrari, passargli accanto mentre chiacchiera con un giornalista e non poter fare a meno di ascoltare questo: "Quello che Jaguar ha fatto è intelligente, ma reinventare la 250 è un compito difficile e basarsi su elementi tecnici appartenenti al passato è una brutta abitudine. Ma c'è sicuramente una piattaforma che potremmo utilizzare e speriamo di potervi mostrare qualcosa nei prossimi anni".

    Gira voce che Ferrari voglia produrre di nuovo (o reinterpretare?) la 250 GTO

    'La 250'. Un momento... la duecinquanta?? Stiamo parlando di quella 250? L'opera d'arte del 1962 con un V12 di 3.0 litri da quasi 300 Cv voluta dal Drake in persona e forgiata da nomi come Giotto Bizzarrini e Mauro Forghieri? Quella prodotta in appena 39 esemplari, venduta per 30 milioni di Euro nel 2014 e che si vocifera sia stata venduta anche a £32 milioni in una compravendita privata? La più costosa automobile di sempre? La Ferrari 250 GTO?

    Che Sergio Marchionne intenda copiare quanto altri hanno già fatto in questi anni? Vedi, dicevamo, Jaguar con la E-Type Lightweight (solo 6 unità), le 25 nuove D-Type e il progetto di 9 unità della XKSS; o Aston Martin con la DB4 GT; oppure, ancora, AC con 9 esemplari della Cobra del 1962.

    Gira voce che Ferrari voglia produrre di nuovo (o reinterpretare?) la 250 GTO

    Va bene. Ok. Ma qui parliamo di Ferrari. Parliamo del pensiero di un uomo che diceva "la Ferrari migliore è quella che devo ancora costruire", un uomo che si era mostrato riluttante all'idea di produrre una copia della 125S. Quello che si sta rigirando nella tomba per colpa del "FUV". Vogliamo davvero rendergli l'eternità così insopportabile?

    Ma le parole di Marchionne lasciano spazio a varie interpretazioni. "Basarsi su elementi tecnici del passato" e "c'è una piattaforma che potremmo utilizzare" suona diverso da, ad esempio, "ricreare elementi del passato" e "produrre una piattaforma dell'epoca". Potrebbe darsi, insomma, che Marchionne stia ipotizzando non di riprodurre, ma di reinterpretare la GTO. Magari qualcosa sullo stile di quella che poteva essere l'erede della Lamborghini Miura, la Miura Concept che troviamo al Museo di Sant'Agata.

    Magari ci troviamo all'inizio di una nuova epoca di Maranello. Chissà. Ma, forse, se Lamborghini ha lasciato in pace la Miura un motivo c'è. Se basarsi sul passato è una brutta abitudine, un motivo c'è. Forse, il passato è passato e il suo fascino sta proprio in questo.

    Gira voce che Ferrari voglia produrre di nuovo (o reinterpretare?) la 250 GTO

    (rendering: Guillaume Brault)

    © RIPRODUZIONE RISERVATA