x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Consigli per gli acquisti: Nissan 350Z

20 novembre 2017
di Davide Saporiti
Una bella, originale e intuitiva coupé (o Roadster!) che lascia il segno
  • Salva
  • Condividi
  • 1/18

    Ridendo e scherzando, sono passati quindici anni dal debutto della Nissan 350Z. Nostalgia. Chi scrive ne guidava una quotidianamente e anche dall'altra parte della manica c'è l'amico Peter Tomalin che si asciuga qualche lacrima ricordando l'esperienza del Fast Fleet. E poi chi sfornerà più una coupé con un 3.5 litri aspirato da 280 Cv con cambio manuale?

    Consigli per gli acquisti: Nissan 350Z

    Le versioni

    Il biglietto da visita di quel V6 è il suo timbro inconfondibile, un ringhio sommesso che fuoriesce dal doppio scarico come una nota di tromba. Poi c'è il suo design sempreverde, originale, elegante e sportivo. La prima serie ha 280 Cv ed esce nel 2003, un anno dopo gli Stati Uniti e il Giappone. In Italia viene circa 38.000 Euro nel caso dell'allestimento "Lev 2", che offre cerchi forgiati, impianto stereo Bose e sedili in pelle con regolazione elettrica. Arrivano anche una versione Roadster e la 350Z Nismo (non importata ufficialmente), con impianto di scarico sportivo, un vistoso bodykit, nuovi sedili e nuovi cerchi in lega; nel 2005, debuttano l'edizione limitata 35° Anniversario, con altri 20 Cv per il V6 di 3.5 litri e una curva di coppia diversa, nuovi colori per la carrozzeria e la relativa versione GT4 con una PlayStation 2 e Gran Turismo 4; di fatto è l'anticamera del restyling che debutta nel 2007, con il V6 rivisto per girare più alto e toccare quota 313 Cv e vari ritocchini estetici, in particolare per i gruppi ottici. La Nissan 350Z esce di produzione nel 2009, sostituita dalla erede 370Z.

    Comprarne una

    Consigli per gli acquisti: Nissan 350Z

    Quel V6 è un "mulo", l'unico difetto è che nella sua prima versione beve un po' troppo olio e soffre un po' anche di fasce elastiche deboli. Meglio la seconda versione, quella del restyling del 2007, sia in termini di performance che di robustezza. La trasmissione è altrettanto robusta, ma può creare qualche rumore di troppo ai giunti dell'albero, cosa che di norma non richiede interventi particolari se non l'ingrassare e serrare di nuovo.

    La frizione è probabilmente da sostituire a circa 100.000 km. Un eventuale sbatacchiare all'anteriore è probabilmente dovuto alle boccole degli ammortizzatori da sostituire, è un difetto comune ma non molto costoso e magari potreste approfittarne per sostituirle con qualcosa di più performante.

    La carrozzeria è ben trattata e di solito non presenta segni di ruggine, ma se ne trovate, magari in zona montante anteriore, significa che probabilmente il parabrezza è stato sostituito. Le portiere devono chiudere bene e il vetro deve scendere leggermente quando azionate la maniglia. La qualità delle plastiche degli interni non è eccelsa nemmeno da nuova e così la pelle dei sedili, che è facilmente soggetta ad usura.

    Nota dolente: con 280-313 Cv, la Nissan 350Z fa parte di quella sfortunata famiglia di vetture sportive ingiustamente ancora tartassate a tanti anni dal debutto; sarà infatti soggetta ancora per diversi anni al pagamento di quella odiosa addizionale erariale meglio conosciuta come superbollo. E' anche per lei che vogliamo batterci.

    Come va

    Detta in due parole, la Nissan 350Z è una nave scuola per imparare la trazione posteriore. Con un peso di 1525 kg non è un'auto leggera e non è nemmeno particolarmente agile, ma è sincera e intuitiva, perde aderenza in modo progressivo e la bella coppia ai bassi e ai medi, unita all'efficacia del differenziale, consente dei bei traversi di potenza. Questo anche perché è equilibrata, con uno sterzo piuttosto ricco e preciso e un anteriore e un posteriore che convivono in armonia, caratteristiche che non vanno perse nemmeno sulla versione Roadster. Il suo motore è generoso, ma non gradisce particolarmente gli alti regimi, cosa che si riflette in una eccessiva vibrazione alla leva del cambio. Va un po' meglio con il 313 Cv. L'impianto Brembo di serie è buono, ma forse sottodimensionato.

    I prezzi

    Da quel che abbiamo visto, negli ultimi anni il mercato si è stabilizzato su cifre che variano dagli 8000 ai 25.000 Euro, grosso modo come accade per un'altra giapponese come la Honda S2000. Probabilmente, una spesa di 15-18.000 Euro può essere quella corretta per un buon esemplare.

    Consigli per gli acquisti: Nissan 350Z

    © RIPRODUZIONE RISERVATA