x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Ce n'è abbastanza per il brivido della guida?

2 maggio 2018
di Tommaso Ferrari
In vendita una delle sette incredibili Ruf CTR3 Clubsport
  • Salva
  • Condividi
  • 1/6

    In giro per le strade del mondo non ci sono molte Ruf CTR3, né tantomeno molte Ruf CTR3 Clubsport. Anche se non conoscete perfettamente il marchio, avrete certamente visto nel videogioco Gran Turismo qulle simil Porsche infarcite di cavalli e con un’estetica ancora più intimidatoria: ecco, la CTR3 è una delle più intimidatorie di tutte. La Ruf Automobile Gmbh è un’azienda tedesca che – su base Porsche appunto – rielabora un suo personalissimo concetto di potenza e prestazioni, e la CTR3 nel 2007 era la sua idea di come avrebbe dovuto essere il guidare un missile. Presentata l’11 Aprile di quell’anno al circuito internazionale del Bahrain (giusto per non fraintendere le sue intenzioni) la Ruf aveva adottato lo schema della Cayman anziché della 911 questa volta, montando centralmente il motore anziché a sbalzo e rivestendo il tutto con una carrozzeria inedita su una piattaforma sviluppata insieme alla Multimatic (l’azienda responsabile dell’assemblaggio della Ford GT).

    Ce n'è abbastanza per il brivido della guida?

    Il motore ovviamente è un 3.8 litri flat six derivato Porsche, ma rielaborato con l’aggiunta di due turbocompressori KKK che regalano alla CTR3 691 cavalli a 7000 giri e 890 Nm di coppia; calcolando che l’auto è fatta di alluminio, acciaio, carbonio e kevlar il peso è contenuto entro i 1375 chili. Risultato? Velocità massima di oltre 360 km/h e da 0 a 100 in 3,1 secondi. Se questi numeri non sembrano già abbastanza impressionanti, cinque anni dopo Ruf ha migliorato il pacchetto creando la CTR3 Clubsport di queste immagini: motore spinto a 777 cavalli e 980 Nm di coppia scaricati attraverso un cambio manuale , per l’incredibile velocità di 380 km/h. La carrozzeria realizzata appositamente per la CTR3 è spettacolare, con quell’incredibile copertura del motore e le sospensioni riprese direttamente dal mondo dalle corse, senza parlare delle prestazioni che tutt’oggi lasciano a bocca aperta. Come dicevamo, è piuttosto raro vedere in giro una Clubsport, anche perché Ruf ha realizzato solo sette esemplari di questo mostro, ma se volete farci un pensierino questa CTR3 sarà battuta alla stracitata asta di Monte Carlo di Sotheby’s fra un paio di settimane, alla modesta cifra prevista di 900.000 euro.

    Ce n'è abbastanza per il brivido della guida?
    © RIPRODUZIONE RISERVATA