x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

Il canto del cigno: l'Aston Martin V12 Vantage V600

9 May 2018
di Tommaso Ferrari
Da Gaydon svelano l'ultima opera basata sulla piattaforma VH
  • Salva
  • Condividi
  • 1/7

    Con l’arrivo della nuova Aston Martin Vantage si pensava che il vecchio modello fosse uscito di scena giusto? Sbagliato. La casa di Gaydon ha appena presentato una nuova e esclusiva versione della Vantage V12 chiamata V600, per celebrare il canto del cigno della piattaforma VH. L’Aston produrrà solo 14 esemplari di questa sinuosa Vantage, che non potrete confondere per sbaglio con una normale dodici cilindri: la carrozzeria è stata modificata appositamente per questo modello con un uso estensivo della fibra di carbonio e con numerosi dettagli ricostruiti su misura. Ogni pannello esterno è appunto in carbonio e ridisegnato, a partire dal cofano forato e bombato che omaggia l’Aston Martin V8 V600 biturbo da cui la Vantage riprende il nome, fino alla meravigliosa griglia anteriore in stile AMR, al delicato splitter anteriore e all’aggressivo estrattore posteriore; tutte queste affascinanti curve sono accentuate da cerchi in alluminio forgiato realizzati anch’essi su misura per la V600.

    Il canto del cigno: l'Aston Martin V12 Vantage V600

    Ma oltre ad un aspetto meraviglioso, il reparto Q (davvero, si chiama proprio così, ma senza Daniel Craig) dell’Aston ha saggiamente modificato anche la meccanica, dando un senso al numero 600 della sigla. Il 5.9 litri aspirato è stato infatti elaborato per equiparare la potenza dell’antenata – ma senza i due turbo – e arrivare così a 600 cavalli, scaricati a terra esclusivamente attraverso un cambio manuale a sette marce. Che gioia. Anche gli interni sono stati rivisti, con dettagli in fibra di carbonio e pelle in tono con il colore scuro della carrozzeria, e riprendendo anche qui accenni estetici del modello che l’ha sostituita. Nonostante alla casa di Gaydon servisse la ventata di freschezza che i nuovi modelli come la DB11 e la nuova Vantage han portato, non possiamo negare che anche sotto queste spoglie la vecchia piattaforma VH riesca a farci battere il cuore parecchio rapidamente.

    Il canto del cigno: l'Aston Martin V12 Vantage V600
    © RIPRODUZIONE RISERVATA