x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Speciale EICMA 2015

Scorri le marche in verticale

Vota e vinci la moto più bella del Salone di Milano

Undicesima edizione del concorso "Vota e vinci la moto più bella del Salone".

A bordo della Alpine A110!

5 luglio 2017
a cura della redazione
Un giretto a bordo della nuova Alpine al fianco del responsabile sviluppo telaio, Terry Baillon
  • Salva
  • Condividi
  • 1/8

    Dal sedile del passeggero, fin dal primo momento, la nuova Alpine A110 dà l'impressione di essere una sportiva davvero speciale. "Volevamo la massima agilità" dice Terry Baillon, responsabile sviluppo telaio, mentre viaggiamo a tavoletta nella campagna francese. "Eliminando più massa possibile, è molto più facile".

    E lo si avverte nettamente nel modo in cui la A110 risponde ai comandi e cambia direzione, con un'inerzia praticamente inesistente. Il peso in ordine di marcia di 1103 kg (con tutti i liquidi e mezzo serbatoio), e la potenza di 260 Cv del quattro cilindri turbo di 1.8 litri, equivalgono ad un rapporto peso/potenza di 230 Cv/tonnellata. Lo stesso della Porsche Cayman, ma quella ha bisogno di 300 Cv per ottenerlo. I dati ufficiali ancora non ci sono, ma è un'auto molto veloce, con uno 0-100 km/h che ad occhio non sembra di molto superiore ai 4" e uno 0-160 km/h che sarà sui 12".

    Grande assetto

    L'abitacolo è bello, arioso, moderno e lussuoso, i sedili splendidi e la qualità dell'assetto sorprende, anche perché, nonostante vi sia la consueta possibilità di intervenire su mappa motore, scarico e cambio con le varie modalità di guida, il setting degli ammortizzatori rimane sempre lo stesso. Segno di grande fede da parte di Alpine nel proprio know-how. La A110 scivola sull'asfalto come la prima Lotus Elise, con un assetto che dialoga con le asperità e regala un grip fenomenale e una compostezza esemplare, con un soffice rollio tutto particolare. E che sound, per essere un quattro cilindri.

    Il fondo completamente piatto comunica con un diffusore e crea un minimo di deportanza, sufficiente per consentire alla Alpine di sbarazzarsi di alettoni e spoiler vari, con un design che si avvicina molto alla A110 originale, con tocchi rétro un po' ovunque, ma anche elementi modernissimi a partire dai fari a LED. Il telaio e la carrozzeria sono in alluminio, come in alluminio sono i sedili, pesanti appena 13.1 kg.

    Già ordinabile

    Gli ordini sono già aperti, con i primi 1955 esemplari (l'anno della nascita di Alpine) destinati a diventare "Première Edition". I prezzi (in Francia) sono di circa 55.000-60.000 Euro. Alpine punta ad una produzione di 200.000 vetture l'anno, con il 40% destinato al Nord America.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA